Attualità
NOVITA'

Montecatini, approvato il progetto di sistemazione della Rocca di Montecatini Alto

non si limiterà al ripristino del tratto di mura crollate nel novembre 2019 ma provvederà pure al consolidamento in tutto il loro sviluppo

Montecatini, approvato il progetto di sistemazione della Rocca di Montecatini Alto
Attualità Valdinievole, 23 Dicembre 2021 ore 14:42

Nella seduta di mercoledi 22 dicembre la Giunta Comunale ha approvato il progetto definitivo/esecutivo realizzato dallo Studio Associato Paolo e Giovanni Cardelli relativo alla sistemazione della Rocca, intervento che non si limiterà al ripristino del tratto di mura crollate nel novembre 2019 ma provvederà pure al consolidamento in tutto il loro sviluppo, nonché alla messa in sicurezza delle scarpate che delimitano il terrapieno sui lati est e nord.

Il progetto

Inoltre il progetto prevede l'esecuzione di varie altre opere nell'area circostante la Rocca con l'obiettivo di:

-ripristinare il corretto deflusso delle acque meteoriche nella parte sud del terrapieno;

-sistemare e riqualificare i vialetti di percorrenza attorno alla Rocca e di collegamento fra i terrazzamenti presenti, con recupero e ripristino dei muretti esistenti e l'eliminazione della vegetazione spontanea e di nessun pregio che può interferire coi lavori;

-sistemare e riqualificare strada bianca e stradello che partendo da Via Fratelli Guermani permettono l'accesso al terrapieno nella zona nord della Rocca.

Si ricorda che, pochi mesi fa, erano stati sostituiti tutti i proiettori illuminanti con più moderni ed economici in termini di consumi apparecchi a led.

Il progetto è stato ovviamente sottoposto al vaglio preventivo della Sovrintendenza competente per territorio.

I lavori da eseguire, così come il costo del progetto approvato, sono totalmente coperti dal finanziamento a fondo perduto da 800 mila euro che il Comune ha richiesto e ottenuto dallo Stato alcuni mesi fa.

Il 2022 sarà quindi l'anno di risoluzione di questo problema, al fine di restituire la Rocca ad un pieno utilizzo dei cittadini e dei turisti con un intervento di ampia portata che va oltre la necessaria sistemazione di quanto crollato.