Attualità
la grande opera

In Valdinievole avanti tutta per i lavori al "Tubone" a salvaguardia anche del Padule di Fucecchio

Prosegue a pieno ritmo il cantiere del "Tubone" della Valdinievole per gli scarichi e la salvaguardia del Padule di Fucecchio.

In Valdinievole avanti tutta per i lavori al "Tubone" a salvaguardia anche del Padule di Fucecchio
Attualità Valdinievole, 04 Marzo 2022 ore 17:41

Un primo lotto in via di conclusione, altri due partiti e già entrati nel vivo, il quarto e ultimo che sarà appaltato nelle prossime settimane. In sintesi, un percorso che si trova già a metà del proprio cammino. Si tratta del Tubone, il collettore fognario lungo oltre 24 chilometri, infrastruttura-chiave del cosiddetto Accordo del Cuoio che, aggirando il Padule partendo da nord e costeggiandolo lungo il lato est, convoglierà i reflui di tutta la Valdinievole, di Cerreto Guidi e di parte di Fucecchio verso il depuratore industriale di Aquarno a Santa Croce. A fare il punto sul maxi-intervento in corso sono stati nel corso di una conferenza stampa a Monsummano Terme la sindaca Simona De Caro e la collega di Larciano, Lisa Amidei, oltre che Acque SpA attraverso Giuseppe Sardu, Fabio Trolese e Roberto Cecchini, rispettivamente presidente, amministratore delegato e direttore della gestione operativa del gestore idrico.

Cos'è il Tubone ed a cosa serve

Il progetto, per ciascuno dei quattro lotti di intervento, sta procedendo secondo i programmi. Nel dettaglio, le attività del lotto Stabbia-Santa Croce sono in fase di completamento, con la prima condotta lunga circa 9 chilometri quasi del tutto posata. La novità principale è invece la partenza di altri due lotti, quelli di Baccane-Stabbia e Uggia-Baccane: per uno è in corso da alcuni mesi la realizzazione del collettore lato Stabbia, per l’altro è stata avviata la posa delle condotte da Castelmartini (nel comune di Larciano), con le prime attività che in precedenza avevano interessato il depuratore di Uggia. Quest’ultimo, come gli altri depuratori adesso in funzione lungo il tracciato, sarà trasformato in una stazione di sollevamento fognaria, che spingerà i reflui verso l’impianto di Santa Croce. Settimane importanti anche per il quarto lotto, per il quale sono in via di definizione gli atti per procedere alla gara di affidamento. L’intera infrastruttura del Tubone sarà realizzata in ghisa e avrà un diametro di 900 millimetri, per un investimento complessivo di circa 40 milioni di euro. Una volta ultimato, il Tubone colletterà al depuratore di Santa Croce circa 6,2 milioni di metri cubi annui di reflui, che arriveranno a più di 9 milioni con la realizzazione degli altri importanti collettori tra Pescia e Uzzano e tra Chiesina Uzzanese e Ponte Buggianese fino a Pieve a Nievole.

Infatti, all’interno dell’Accordo del Cuoio - il progetto di riorganizzazione degli schemi depurativi della Valdinievole e di parte del Basso Valdarno, che comporta un investimento complessivo da 143 milioni di euro - ricadono altri due macrolotti di lavori per la costruzione di ulteriori collettori fognari, per indirizzare i reflui della Valdinievole Ovest al depuratore intercomunale di Pieve a Nievole e poi fino al depuratore di Santa Croce grazie al Tubone. Anche qui le operazioni procedono spedite. Insieme all’operazione Tubone, i due macrolotti della Valdinievole Ovest consentiranno di raggiungere la piena copertura del servizio depurazione - rendendolo al contempo più efficiente - e di restituire in ambiente acque sempre più pulite per il Padule di Fucecchio.

Gli obiettivi che intendono perseguire Acque, Regione Toscana, Autorità Idrica Toscana, Consorzio di Bonifica 4 Basso Valdarno e amministrazioni comunali del territorio, sono molteplici. Dal riorganizzare lo schema depurativo della Valdinievole e del Basso Valdarno, adeguando e razionalizzando il sistema di raccolta dei reflui anche con la “trasformazione” degli attuali depuratori, a creare una infrastruttura-modello, intervallata da nuove stazioni di sollevamento, per garantire standard di qualità e quantità ancora più importanti. E poi ancora migliorare il “secondo tempo” del servizio idrico, diminuire l’impatto ambientale dei reflui, e proteggere il Padule di Fucecchio mantenendone il “deflusso minimo vitale” durante i periodi più secchi. Su www.acque.net/accordo-del-cuoio è disponibile la pagina interattiva sull’avanzamento e lo schema dei lavori.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter