L’azione

Contributi a sostegno delle micro-imprese e a rimborso della mensa scolastica: il Comune stanzia un milione e mezzo di euro

Stabilite dal Comune anche agevolazioni anti-Covid e abbattimenti sulla Tari, sia per attività economiche sia per le famiglie in difficoltà economica

Contributi a sostegno delle micro-imprese e a rimborso della mensa scolastica: il Comune stanzia un milione e mezzo di euro
Attualità Pistoia, 10 Luglio 2021 ore 11:30

Nell’ambito delle iniziative intraprese dal Comune di Pistoia per fronteggiare le conseguenze economiche legate all’emergenza Covid-19, la giunta Tomasi ha appena definito due nuove forme di sostegno economico, da erogare attraverso bandi: uno a favore delle micro-imprese e l’altro per le famiglie, a rimborso della spesa sostenuta per la mensa nell’anno scolastico 2020/2021. A tale fine, l’Amministrazione comunale ha già stanziato un milione e mezzo di euro (risorse riconosciute al Comune di Pistoia dallo Stato a compensazione delle maggiori spese e minori entrate affrontate durante il periodo della pandemia, secondo una stima effettuata dal Ministero) così da contribuire alla tenuta del sistema economico e aiutare le famiglie con bambini in età scolare che hanno risentito della crisi determinata dall’emergenza sanitaria.

L’incentivo, a fondo perduto, ha così l’obiettivo di contribuire a ridurre le difficoltà economiche conseguenti alle limitazioni e alle prescrizioni introdotte nel periodo emergenziale, nonché nella fase 2 di ripartenza graduale dell’operatività delle attività imprenditoriali.

Definite, inoltre, dal Comune di Pistoia ulteriori agevolazioni anti-Covid e abbattimenti sulla Tari, sia per le attività commerciali sia per le famiglie in difficoltà economica.

Bando 2021 per la concessione di contributi straordinari a sostegno delle micro-imprese danneggiate dall’emergenza epidemiologica

Il sostegno economico sarà erogato dal Comune una tantum e a fondo perduto a favore di micro-imprese e professionisti appartenenti a specifiche categorie particolarmente danneggiate dagli effetti conseguenti alla diffusione dell’epidemia con riduzione di fatturato e corrispettivi (una perdita di almeno il 20% dal 2019 al 2020).

Le risorse complessivamente stanziate dal Comune a disposizione dei soggetti beneficiari ammontano a 1.400.000 euro e saranno ripartite fra 5 settori: al “turismo e spettacolo” (come agenzie di viaggio, guide turistiche, taxi) sono stati destinate 150.000 euro, ai “servizi alla persona” (come parrucchieri, estetiste, palestre e piscine) 450.000 euro, al “commercio e alla ristorazione” (commercio al dettaglio, ristorazione, bar) 650.000 euro, ad altre attività in sede fissa 100.000 euro, alle nuove attività avviate nel 2020 e fino al 31 maggio 2021 appartenenti ai primi tre settori 50.000 euro.

Il contributo è destinato alle micro-imprese con massimo 5 dipendenti e un fatturato complessivo o volume d’affari annuo (riferito al 2019 e 2020) inferiore o uguale a 400.000 euro, nonché ai professionisti titolari di partita Iva, con sede legale operativa o almeno una unità locale dell’attività a Pistoia. I parametri sono dettagliati nel testo del bando che può essere reperito sul sito del Comune di Pistoia (www.comune.pistoia.it), nell’area tematica Commercio, dove sono contenute anche le indicazioni per la compilazione e l’inoltro.

I soggetti interessati alla concessione del contributo possono presentare domanda da lunedì 12 luglio al 12 agosto. Dovrà essere inoltrata, compilando apposita modulistica, tramite portale telematico - servizi del Suap - accessibile al link: http://frontoffice.comune.pistoia.it/default.html.

Contributo economico per la mensa come misura di sostegno alle famiglie

Per andare incontro alle famiglie che, a causa della crisi economica generata dalla pandemia, hanno difficoltà a sostenere i costi dei servizi educativi a domanda individuale, l’Amministrazione comunale ha stanziato centomila euro. In questo modo, dunque, attraverso un avviso pubblico che sarà pubblicato nelle prossime settimane, per ogni figlio iscritto al servizio di refezione scolastica, verrà riconosciuto un contributo alle famiglie residenti a Pistoia, con attestazione Isee inferiore a 40mila euro, che hanno subito una riduzione del reddito complessivo del nucleo familiare nel 2020 di oltre il 30% rispetto all’anno precedente, a causa della pandemia. Il bando avrà scadenza il 15 novembre.

Abbattimento della Tari per famiglie e imprese

Per andare incontro alle famiglie e alle attività economiche maggiormente colpite dai provvedimenti di restrizione e dagli effetti economici della crisi, la manovra 2021 sulla Tari definita dal Comune di Pistoia prevede notevoli agevolazioni e abbattimenti, e rinnova anche le riduzioni già in vigore lo scorso anno.

Nello specifico, tra i vari provvedimenti definiti per le attività economiche, il Comune di Pistoia ha stabilito di abbattere la Tari (sia la parte fissa sia la variabile) per quelle attività che in zona rossa sono dovute rimanere chiuse. Concesso l’abbattimento anche a favore di attività ricettive, attività sportive, bar, ristoranti, pasticcerie, pizzerie, centri benessere, circoli sportivi, piscine, cinema, palestre per un minimo di sette mesi (dal primo gennaio al 31 luglio 2021) e un massimo di 12 mesi (sino al fine anno). Ancora, i locali con prevalente produzione di rifiuti organici possono godere di un dimezzamento della Tari se effettuano la raccolta differenziata dell'organico e delle altre frazioni secche, i cui conferimenti sono stati misurati.

Le utenze domestiche di nuclei familiari che si trovino in una condizione di grave disagio rilevata da un’attestazione Isee avranno un’agevolazione per il pagamento della Tari attraverso l'erogazione di un contributo concesso con apposito bando, fino all’esaurimento dei fondi previsti pari a 180mila euro, secondo specifici criteri determinati appunto dal valore Isee.

Con un Isee non superiore a 4mila euro, si avrà diritto a un abbattimento dell’80 per cento della Tari. L’Isee da 4 a 6mila euro comporterà una riduzione del 60 per cento, mentre da 6 a 8mila euro si pagherà il 40 per cento in meno.

Inoltre, verrà portato in consiglio comunale lo slittamento al 16 settembre della scadenza della tassa sullo smaltimento dei rifiuti per le utenze domestiche, originariamente prevista per il 16 luglio.