Menu
Cerca
CRONACA

Casetta dei Puledrari: indetto un bando per gestire l'area verde, il chiosco e servizio di e-bike

La scadenza delle domande è prevista per il 15 giugno alle 12.00. Tutta la modulistica è scaricabile a questo link: http://bitly.ws/dMW5

Casetta dei Puledrari: indetto un bando per gestire l'area verde, il chiosco e servizio di e-bike
Attualità Montagna, 08 Giugno 2021 ore 12:19

La zona del parco della Casetta (l'area del "vecchio campeggio") è oggetto in questo periodo di lavori di ripulitura e riqualificazione e nelle prossime settimane saranno installate attrezzature per il tempo libero (tavolini, panchine, giochi per bambini) oltre a due punti ristoro dedicati a bar e noleggio di e-bike.
Il bando in uscita è dedicato a individuare il soggetto di gestore di tutto questo pacchetto per un periodo di tempo che va da fine giugno fino all'autunno.

Ridare dignità all'area

L'obiettivo è ristabilire la dovuta dignità dell'area e riaccendere un servizio nell'area della Casetta Pulledrari e della Foresta del Teso che resta una delle zone del territorio maggiormente frequentate da turisti e escursionisti, ma che da troppi anni non vedeva aperto un servizio accessibile al pubblico.

L'idea nasce grazie a un progetto finanziato da Regione Toscana sul "Fondo della Montagna", che ha messo a disposizione i fondi per la riqualificazione del parco, per le attrezzature e per l'acquisto delle bici elettriche, e che consentirà di riqualificare completamente l'area esterna in due trance tra questa estate e l'anno prossimo.
Sono ammessi a partecipare gli operatori economici (imprenditori, consorzi, cooperative ecc.) e associazioni con i requisiti che si trovano elencati e specificati nel bando in questione.

Queste le parole del sindaco di san Marcello Piteglio Luca Marmo:

“Lo diciamo con franchezza e realismo: non si tratta della riapertura e assegnazione del rifugio che ha bisogno di interventi e risorse ben più significative, permane il problema sulle due strutture principali la cui soluzione avrà esito in un periodo successivo e resta l'obiettivo più importante nei prossimi anni. Però non era pensabile far passare un'altra estate senza riaccendere una luce, - un servizio gestito e
un'animazione dell'area - in una delle aree più importanti per il turismo nel nostro territorio, che parla al cuore dei montanini, per questo abbiamo attivato questo progetto, rispetto al quale siamo certi che c'è già un interesse di alcuni potenziali gestori e confidiamo che in tanti abbiano voglia di mettersi in gioco. E' un piccolo passo - non scontato ma importante - verso un futuro completo ritorno alla zona della
Casetta per come tutti ce la immaginiamo”.