Attualità
Pistoia

Bartolini (Lega): “Rischio siccità ed agricoltura e vivaismo in affanno. La Regione si attivi”

Per la consigliera “è necessario rivedere l’intero sistema di gestione della risorsa idrica, dato che non possiamo più permetterci di disperdere ingenti percentuali d’acqua lungo la rete di distribuzione”.

Bartolini (Lega): “Rischio siccità ed agricoltura e vivaismo in affanno. La Regione si attivi”
Attualità Pistoia, 29 Marzo 2022 ore 12:01

Bartolini (Lega): “Rischio siccità ed agricoltura e vivaismo in affanno. La Regione si attivi”

Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di Luciana Bartolini, Consigliera regionale della Lega.

"Purtroppo il rischio siccità in Toscana e quindi in Pistoia e provincia(dove il vivaismo sta patendo) è sempre più concreto e nonostante le previsioni dei prossimi giorni prevedano possibili precipitazioni, temiamo che la problematica rimarrà tale.”
"Tra l’altro - prosegue il Consigliere- il mondo dell'agricoltura deve già fare i conti con i postumi di una terribile pandemia ed i timori derivanti dal terribile conflitto in atto."
"La produzione agricola toscana vale circa 2,6 miliardi di euro-precisa l'esponente leghista-ed occupa migliaia di addetti; non possiamo quindi permetterci di veder assestare un ulteriore colpo basso a questo settore tanto strategico per le nostre zone."

Sia richiesto lo stato di emergenza

"Per tutto ciò-sottolinea la rappresentante della Lega-ritengo opportuno che la Giunta richieda al Governo lo Stato di Emergenza: non dobbiamo, infatti, abbandonare gli agricoltori e tutto l’indotto che ruota attorno a questo importante settore."

"Non solo Stato di Emergenza-rileva Bartolini-ma questo deve essere collegato ad interventi strutturali che riescano in futuro a mitigare il problema della scarsità d’acqua." Quindi-specifica il Consigliere- la collega Meini, ha predisposto un’apposita mozione, da me pienamente condivisa, in cui si chiede che la Regione promuova la creazione di invasi d’acqua in posizione strategiche della Toscana ed al contempo incentivi la realizzazione di bacini di accumulo."

"Il ragionamento sulla grave criticità-conclude Luciana Bartolini-dovrà però essere più complessivo: è necessario, pertanto, rivedere l’intero sistema di gestione della risorsa idrica, dato che non possiamo più permetterci di disperdere ingenti percentuali d’acqua lungo la rete di distribuzione, considerando come le perdite, in alcuni casi, arrivino addirittura fino al 40%.”

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter