Attualità
La polemica

Bardelli: “Anche i comuni di centrodestra si sono adeguati al sistema”

I servizi andranno in mano al libero mercato e all’alta finanza

Bardelli: “Anche i comuni di centrodestra si sono adeguati al sistema”
Attualità Piana, 16 Ottobre 2022 ore 07:59

"Giovedì sera ci siamo recati in Palazzo Comunale, a Casalguidi - ha detto Elena Bardelli - per partecipare all’assemblea pubblica sulla Multiutility, richiesta anche dal nostro gruppo, considerando totalmente assurda e discriminante la consultazione pubblica avviata dalla Amministrazione Comunale via email.

Fin dall’inizio ci siamo accorti però che i giochi sono già stati decisi e che le consultazioni e i dibattiti pubblici sono stati solo una farsa.

Il nostro Comune, adeguandosi agli altri, ha già stilato la delibera di adesione al progetto della Multiutility ossia alla fusione di Consiag, Publiservizi e Acqua Toscana in Alia per la gestione unificata dei servizi ambientali, idrici ed energetici, voluta fortemente dalla Regione Toscana. Si capisce allora perché solo così tardivamente e in maniera frettolosa, a ridosso dell’approvazione del progetto nei singoli consigli comunali, siamo arrivati all’informazione dei cittadini e alla richiesta di eventuali osservazioni: forse meno i cittadini ne sanno e meglio è. Per questo desideriamo mettere in guardia la cittadinanza da ciò che si sta decidendo sopra le nostre teste. Con la realizzazione della holding toscana e la conseguente quotazione in borsa, i servizi su citati andranno in mano al libero mercato e all’alta finanza: ciò comporterà il prevalere della logica del profitto su quella della efficenza e della qualità; l’aumento delle bollette; una maggiore distanza tra gestore e fruitori; il moltiplicarsi di criticità e disservizi, considerata in partenza la fallimentare gestione delle singole società partecipate, utili soltanto ad alimentare aspettative di carriere e prebende.
Prendiamo atto con tristezza, ma non con troppa sorpresa, che il sistema inaugurato dalle amministrazioni di centrosinistra con l’affidamento della gestione di acqua, gas e rifiuti alle partecipate purtroppo si è talmente consolidato e strutturato che neppure i comuni cosiddetti di centrodestra, nonostante le critiche, hanno di fatto il coraggio o l’intenzione di contrastarlo. Anche Fratelli d’Italia si è adeguato al sistema".

Seguici sui nostri canali