Attualità
NOVITA'

Bando Erp: 531 domande presentate, il 30% in più rispetto al 2017

A seguito dell’istruttoria delle domande pervenute, verrà formulata la graduatoria provvisoria che sarà costituita da tre distinti elenchi: le domande ammesse, le domande escluse per mancanza dei requisiti necessari, le domande ammesse con riserva perché carenti di dichiarazioni e/o documenti utili alla definizione della pratica

Bando Erp: 531 domande presentate, il 30% in più rispetto al 2017
Attualità Pistoia, 31 Maggio 2022 ore 16:52

L’amministrazione comunale di Pistoia, attraverso l’Unità operativa Servizi per l’abitare del Servizio sociale, sta effettuando l’istruttoria per le 531 domande di partecipazione al bando per l’assegnazione di alloggio di edilizia residenziale pubblica, pervenute – secondo quanto previsto - entro il 31 marzo scorso.

Il vicesindaco e assessore alle politiche di inclusione sociale del Comune sottolinea che rispetto al bando precedente, pubblicato nel 2017, le domande in più sono 158, nonostante la novità dell’inoltro online attraverso lo Sportello Telematico Polifunzionale del Comune di Pistoia. Per effettuare le pratiche digitalmente, i Servizi per l’abitare hanno fornito aiuto a tutti coloro che hanno poca dimestichezza con gli strumenti elettronici. L’incremento del 30% di domande presentate rispetto al bando precedente conferma un aumento del disagio abitativo da parte dei nuclei familiari pistoiesi, intervenuto soprattutto a causa del periodo di diffusione del Covid-19 che ha determinato una recrudescenza della povertà generalizzata.

L'istruttoria

A seguito dell’istruttoria delle domande pervenute, verrà formulata la graduatoria provvisoria che sarà costituita da tre distinti elenchi: le domande ammesse, le domande escluse per mancanza dei requisiti necessari, le domande ammesse con riserva perché carenti di dichiarazioni e/o documenti utili alla definizione della pratica.

Dal momento della pubblicazione della graduatoria provvisoria, che indicativamente avverrà i primi giorni di luglio, le persone interessate avranno 30 giorni di tempo per fare opposizione al punteggio ricevuto oppure alla mancata ammissione, nonché all’eventuale integrazione di quanto richiesto.

Successivamente, indicativamente in autunno, verrà pubblicata la graduatoria definitiva sulla base della quale i nuclei familiari verranno convocati nell’ordine stabilito per l’assegnazione dell’alloggio popolare.

Fino alla pubblicazione della graduatoria definitiva, l’Unità operativa Servizi per l’abitare continuerà ad effettuare le assegnazioni attraverso la graduatoria tuttora vigente, scaturita dal bando dell’anno 2017.

Seguici sui nostri canali