Attualità
La necessità

Allarme siccità, anche a Pistoia l'ordinanza contro l'uso improprio dell'acqua

Situazione critica per quanto riguarda la siccità, soprattutto nei campi: il Comune di Pistoia rende attiva l'ordinanza contro lo spreco per uso privato.

Allarme siccità, anche a Pistoia l'ordinanza contro l'uso improprio dell'acqua
Attualità Pistoia, 18 Giugno 2022 ore 08:45

Per limitare il consumo di acqua potabile per fini non domestici su tutto il territorio comunale, è stata emanata un’ordinanza che ne vieta l´uso improprio. L´obiettivo è tutelare la risorsa idrica in un periodo caratterizzato da innalzamento delle temperature e scarsità di piogge.

Ordinanza a Pistoia per allarme siccità

Il provvedimento, in vigore dasabato 18 giugno fino al 30 settembre, vieta di utilizzare l’ acqua potabile per il riempimento di vasche da giardino, fontane ornamentali e simili, anche se dotate di impianto di riciclo dell'acqua, lavaggio di cortili e piazzali, innaffiamento di giardini e prati, lavaggio domestico di veicoli a motore, riempimento di piscine private.

Sono fatti salvi i divieti già disposti dalla normativa regionale vigente, tra i quali il prelievo dagli idranti antincendio nelle strade per scopi diversi da quelli a cui sono destinati, il prelievo da fontane alimentate dall’acquedotto pubblico per usi diversi da quelli potabili e igienici, l’irrigazione di orti di superficie superiore a 500 metri quadrati.

Saranno eseguiti controlli da parte di Asl, Polizia Municipale, Publiacqua e tutti gli altri organi di vigilanza. In caso di accertata violazione, saranno applicate sanzioni amministrative da un minimo di 25 a un massimo di 500 euro.

Il provvedimento invita anche ad adottare ogni accorgimento utile a garantire il risparmio di acqua, valido anche nei periodi di cessata crisi idrica, un comportamento virtuoso che limita costi e consumi della risorsa idrica. È buona regola, dunque, evitare di lasciare scorrere inutilmente l'acqua durante le operazioni di cucina e igieniche, ma anche installare ai rubinetti miscelatori frangigetto e sistemi a doppio pulsante per gli sciacquoni dei bagni.

Tale provvedimento, richiesto da Ait - Autorità idrica Toscana, è finalizzato a un corretto uso delle risorse naturali e del bene idrico come bene primario. Una risorsa pubblica ed esauribile da salvaguardare da ogni spreco, specialmente durante la stagione secca.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter