Attualità
NOVITA'

Alessandro Cioni del panificio Saporito è il nuovo presidente di Assipan Pistoia

Costi dell’energia e rincari delle materie prime i temi al centro del dibattito

Alessandro Cioni del panificio Saporito è il nuovo presidente di Assipan Pistoia
Attualità Pistoia, 17 Marzo 2022 ore 16:10

Si rinnova il gruppo di panificatori di Confcommercio: Alessandro Cioni del Panificio Saporito di Quarrata è il nuovo presidente Assipan Pistoia.

Già presidente del Consorzio del Pane toscano DOP, Cioni è stato vice-presidente di Assipan Pistoia al fianco di Nicola Giuntini, che ha ricoperto con valore la presidenza per oltre 20 anni, mettendo luce le esigenze e la qualità della categoria sul territorio, segnando traguardi e conquiste importanti.

IL gruppo

Cioni prende la guida del gruppo composto dal vicepresidente Coppini Stefano del Forno Coppini di Agliana, Giampaolo Betti del Panificio Betti di Pontepetri, Ivano Biondillo del Forno della Paura di Pistoia, Nicola Giuntini del Panificio Giuntini di Quarrata, Alessio Nencioni di Antico Forno Nencioni di Lamporecchio, Simone Sforzi del Panificio Sforzi di Pistoia, Silvia Spinelli del Forno Garbo di Pistoia, Paolo Temperani del Panificio Temperani di Traversagna/Pescia, Giancarlo Trovò del forno I panettieri di Trovò Giancarlo di Pieve a Nievole.

L’elezione si è tenuta alla presenza del Presidente di Confcommercio Pistoia e Prato Gianluca Spampani, ed è stata l’occasione per riflettere sulle dinamiche che coinvolgono da vicino il settore negli ultimi tempi.

In particolare quelle relative ai rialzi dei costi dell’energia che preoccupano le aziende e che, se da una parte sono soggette ai prezzi delle materie prime, dall’altra sono influenzate da un’azione di speculazione in atto dal secondo semestre del 2021 da parte di alcuni attori interni alle filiere. Questi, infatti, hanno scommesso sul bisogno dei Paesi europei di acquistare grandi quantità di gas ed energia per alzare i livelli dello stoccaggio che sono tuttora bassi, ai quali si sommano gli scenari aperti dal conflitto Russia-Ucraina che prevedono per i prossimi mesi un ulteriore rialzo dei costi.
Su questo punto il Governo sta intervenendo per calmierare i prezzi a livello europeo senza però ricevere ancora delle risposte.

Al contempo il settore è sottoposto ai rincari delle materie prime e alla preoccupazione che queste inizino a scarseggiare. Per questo sarà importante diversificare i fornitori e stimolare la competizione sul mercato affinché i prezzi si mantengano su livelli sostenibili.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter