Attualità
Pistoia

Al via l'iniziativa "Farmaco sospeso" per contrastare la povertà sanitaria

I presidenti delle Caritas Diocesane di Pescia, Maria Cristina Brizzi e di Pistoia, Marcello Suppressa hanno spiegato come le richieste di assistenze che giungono ai centri di ascolto siano in costante aumento e abbiano raggiunto numeri importanti. 

Al via l'iniziativa "Farmaco sospeso" per contrastare la povertà sanitaria
Attualità Pistoia, 11 Dicembre 2022 ore 10:53

Al via l'iniziativa "Farmaco sospeso" per contrastare la povertà sanitaria

Ieri mattina nell'aula magna del Seminario di Pistoia, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del progetto “Farmaco sospeso” che vede come soggetti coinvolti le Caritas diocesane di Pistoia e Pescia, l'Associazione Farmadono, l'Ordine dei farmacisti di Pistoia e le farmacie pubbliche e private della provincia di Pistoia e si propone l’obiettivo di contribuire al contrasto della povertà sanitaria, facilitando l’accesso alle cure da parte delle persone in situazione di fragilità sociale ed economica.

I presidenti delle Caritas Diocesane di Pescia, Maria Cristina Brizzi e di Pistoia, Marcello Suppressa hanno spiegato come le richieste di assistenze che giungono ai centri di ascolto siano in costante aumento e abbiano raggiunto numeri importanti.

"Come abbiamo detto alla presentazione del nostro dossier non esiste una sola povertà.” Ha dichiarato Marcello Suppressa “Esiste tra le altre anche la povertà sanitaria. In questi ultimi due anni siamo intervenuti in maniera importante per far fronte e dare risposte concrete a questo bisogno, perchè nelle famiglie non ci sono i soldi sufficienti per soddisfare i beni primari e purtroppo le persone rinunciano a curarsi aggravando le loro condizioni di salute. Grazie a questo progetto la comunità ci potrà aiutare a rispondere con più efficacia a questa necessità".

L'associazione Farmadono di Pieve a Nievole che si occupa fra le altre cose, della distribuzione dei medicinali agli assistiti della Caritas di Pescia ha proposto di replicare il progetto del “Farmaco sospeso” anche nella nostra provincia, trovando immediato riscontro nelle farmacie pubbliche e private che, grazie alla loro capillarità sul territorio, renderanno l'iniziativa fruibile a tutti i cittadini e saranno il tramite perfetto fra loro e le Caritas diocesane.

Dalla prossima settimana in tutte le farmacie aderenti verrà esposto un contenitore recante la locandina “Farmaco sospeso” dove poter lasciare le proprie donazioni, ricevendo in cambio una ricevuta, poi ogni mese, gli incaricati Caritas si recheranno nelle stesse per tradurre la cifra raccolta in acquisti di farmaci o altri presidi sanitari di cui hanno necessità.

Questa iniziativa a differenza di altre pur meritevoli, non avrà una durata limitata ma si configura come un aiuto duraturo nel tempo, promuovendo allo stesso tempo, la cultura della solidarietà attraverso un’opera di sensibilizzazione riguardo la povertà sanitaria e il diritto alla cura, di stimolare e promuovere la cultura del volontariato, della solidarietà e del dono.

Questa iniziativa” sostiene la D.ssa Sandra Palandri, Amministratore unico di Far.com (Farmacie Comunali Pistoiesi) “rafforza la funzione sociale che Far.com da sempre sostiene nel nostro territorio, attraverso le farmacie che stanno diventando nel tempo il presidio sociosanitario più prossimo al cittadino. Perciò ci auguriamo che la generosità dei nostri clienti possa concretizzarsi durante questo periodo natalizio e proseguire poi anche nei mesi successivi.”

“La scorsa settimana, durante la presentazione degli interventi effettuati dalla Caritas di Pistoia, il Vescovo Tardelli ha messo in evidenza l’aumento impressionante delle richieste ed ha chiesto a tutti un aiuto. Le farmacie rispondono a questa richiesta contribuendo alla raccolta fondi, utilizzando la loro capillarità in tutta la provincia e la credibilità e la fiducia che i Pistoiesi attribuiscono loro” ha dichiarato il Dr. Andrea Giacomelli, presidente dell'Ordine dei farmacisti e Federfarma Pistoia “L’iniziativa, che inizia nel periodo natalizio ma si prolunga fino a data da destinarsi, in un momento di grande difficoltà per un numero sempre maggiore di persone, ribadisce ancora una volta la parte sociale del nostro ruolo e la nostra vicinanza ai cittadini per aiutarli a soddisfare le loro necessità ed i loro bisogni”.

Sulla stessa linea anche l'intervento della D.ssa Rita Lunigiano, presidente di Farmadono, che sottolinea come, la loro realtà partita con poche decine di utenti adesso si ritrovi a gestirne oltre 800 all'anno.

Seguici sui nostri canali