Attualità
la cerimonia

Al "De Franceschi" di Pistoia la festa dedicata ai bambini ucraini orfani e profughi

Mattinata densa di significati al "Barone De' Franceschi" di Pistoia con la presenza di orfani e profughi ucraini.

Al "De Franceschi" di Pistoia la festa dedicata ai bambini ucraini orfani e profughi
Attualità Pistoia, 19 Maggio 2022 ore 16:27

Oggi 19 maggio 2022, presso il parco del plesso De Franceschi di via Dalmazia 221 dalle ore 10.00 in poi, bambini e adolescenti orfani e profughi fuggiti dal conflitto in Ucraina hanno partecipato alla festa tutta dedicata a loro dall’Istituto. I ragazzi ucraini provengono da tutta la Toscana, ospitati dalle Misericordie.

La festa per i ragazzi ucraini al "Barone De' Franceschi"

Alla festa, organizzata con il coordinamento del viceprefetto Eugenio Di Agosta e della Fondazione De Franceschi hanno contribuito la sezione Soci Coop Pistoia con la presidente Paola Birindelli e Coldiretti che hanno fornito la merenda per tutti, Confederazione italiana agricoltori per i gadget e l’Associazione Vivaisti pistoiesi che ha sostenuto l’acquisto di giocattoli da donare ai bambini ucraini. Nel parco sono stati allestiti stand e organizzati momenti di divertimento, giochi di gruppo, danze, sottolineati dalla musica dal vivo, con un gruppo country che si è esibito dal cassone del trattore in autentico costume folk and western. Alla festa hanno partecipato alcune classi del De Franceschi Pacinotti accompagnati dagli insegnanti, in quanto l'obiettivo di tutta la manifestazione è stato quello di far incontrare coetanei con coetanei, italiani con ucraini, studenti con studenti, per una solidarietà generazionale che si è concretizzata in una bella giornata all’insegna della pace e della tolleranza. L’idea di organizzare una manifestazione di solidarietà era partita dai docenti Giuseppe Moschella, Vincenzo Cotroneo, Riccardo Fagioli, Roberto Agnoletti, insieme alla dirigente scolastica Concetta Saviello, e accolta e sostenuta dal Consiglio di Istituto e dal Collegio dei Docenti.

Il De Franceschi Pacinotti aveva già organizzato un evento in marzo per sensibilizzare gli studenti sulla guerra in Ucraina, quando aveva invitato il giornalista Jacopo Storni, appena rientrato dal confine con le zone interessate dal conflitto, per raccontare la sua esperienza diretta del salvataggio dei profughi e dei loro racconti di guerra.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter