Attualità
Quarrata

A Quarrata uno spettacolo per le scuole sulla strage di Sant’Anna

Il 6 e 26 aprile la pièce di Elisabetta Salvatori a Quarrata per il Percorso Legalità voluto dall’amministrazione comunale.

A Quarrata uno spettacolo per le scuole sulla strage di Sant’Anna
Attualità Piana, 04 Aprile 2022 ore 10:53

A Quarrata uno spettacolo per le scuole sulla strage di Sant’Anna

Torna a Quarrata lo spettacolo “Scalpiccii sotto i platani. La strage di Sant’Anna di Stazzema”, scritto e interpretato da Elisabetta Salvatori con l’accompagnamento del maestro Matteo Ceramelli, con produzione curata dall’Associazione Teatro di Buti. Due gli appuntamenti riservati agli studenti dei due Istituti Comprensivi cittadini: Salvatori e Caramelli si esibiranno il 6 aprile alle ore 11 presso l’auditorium della Banca Alta Toscana di Vignole davanti a 115 ragazzi dell’I.C. Nannini di Vignole e il 26 aprile alle 21 presso l’aula magna dell’I.C. Bonaccorso da Montemagno.

Lo spettacolo della Salvatori, già rappresentato al Polo Tecnologico di Quarrata in occasione della Giornata della Memoria del 27 gennaio 2020, ricostruisce gli ultimi momenti di vita degli abitanti di Sant’Anna di Stazzema prima della strage del 12 agosto del 1944. Strage nella quale 560 persone furono trucidate dal 16° battaglione SS della Panzergrenadier-Division, guidato in zona da alcuni fascisti versiliesi.

Entrambi gli appuntamenti del 6 e 26 aprile sono parte del Percorso Legalità voluto dall’amministrazione comunale in accordo con i due istituti comprensivi di Quarrata, dopo la pausa dovuta alla fase emergenziale della pandemia covid-19.

Il commento del sindaco

Mentre siamo inorriditi dall’orrore delle immagini di Bucha, la memoria italiana evocata da questo spettacolo ci consegna uno dei peggiori orrori vissuti in Toscana durante l’occupazione nazifascista: l’eccidio di Sant’Anna di Stazzema. Proprio in questi giorni di preoccupazione per il conflitto in Ucraina, crediamo ancor più fondamentale radicare nelle menti dei più giovani il miglior antidoto alla guerra: il rifiuto dei suoi orrori consegnatoci dal ricordo di chi li ha subiti a 100 km da qui” così il sindaco di QuarrataMarco Mazzanti, a commento.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter