Sfruttamento del lavoro, Pancini (Cgil) all'attacco: "70 vertenze a Prato nel 2019"

I numeri allarmanti sullo sfruttamento del lavoro emergono da un documento redatto da Pancini della Cgil di Prato.

Sfruttamento del lavoro, Pancini (Cgil) all'attacco: "70 vertenze a Prato nel 2019"
Altro 30 Dicembre 2019 ore 17:24

“Abbiamo rappresentato in un documento l’urgenza di una presa di posizione da parte degli amministratori al fine di far partire la lotta allo sfruttamento lavorativo” dichiara Lorenzo Pancini della CGIL di Prato in una nota con cui il sindacato di piazza Mercatale interviene sul tema dell’illegalità economica e della difesa dei lavoratori.

Sfruttamento del lavoro, l’attacco di Lorenzo Pancini della Cgil

“È noto che sul territorio pratese, da anni, migliaia di imprese del manifatturiero, del trasporto e della logistica, del terziario e dell’agroalimentare, a conduzione cinese ma non solo, operano al di fuori di regole e normative. Sistema che ormai è legato a interessi locali anche di italiani, per l’affitto del capannone industriale, per la fornitura di servizi legali, di contabilità e fiscali e di collegamenti nei processi produttivi con le aziende italiane. Un macro-fenomeno sociale la cui risoluzione non può essere lasciata al solo intervento repressivo.”

Un sistema illegale, articolato e complesso, che necessita di un approccio di sistema che – si legge nella nota sindacale – coinvolga tutte le forze sociali, economiche e statali responsabili del buon andamento produttivo e del rispetto dei diritti. “C’è la necessità di interventi che vadano in profondità e che non siano estemporanei e parziali.”

Per rendere l’idea la CGIL cita i propri dati: oltre settanta sono le vertenze individuali e sessanta le imprese interessate – nel 2019 – dallo sfruttamento lavorativo mentre oltre 240 sono le azioni di recupero crediti per stipendi arretrati non pagati e generalmente riscossi tramite ingiunzioni di pagamento, ovvero senza esporre i lavoratori a conflitti di strada e a multe irragionevoli.

“Il Progetto Lavoro Sicuro della Regione Toscana – riprende il sindacalista – ha migliorato i livelli di sicurezza e impedito il pernottamento nei capannoni ma non ha cambiato il modello produttivo del sistema illegale, costituito da aziende di Pronto Moda che commissionano il lavoro a terzi – tintorie, stamperie e laboratori di confezione – i quali sfruttano personale completamente in nero o assunto con falsi part time.”

Altri attacchi della Cgil sullo sfruttamento lavorativo

Secondo il sindacalista si tratta di persone che lavorano fino a 14 ore al giorno, 7 giorni settimanali, per 800-1000 euro mensili, il che vuol dire 2-3 euro per ora lavorata. “I locali sindacati tessili FilctemCGIL, Femca-CISL e Uiltec-Uil, insieme a Cna, Confartigianato e Confindustria, già a marzo 2017 hanno condiviso analisi e proposte a tutela dei lavoratori sfruttati e delle imprese sane e hanno infine sottoscritto il Protocollo Per il lavoro dignitoso e il ripristino della legalità nel sistema produttivo illegale pratese del tessile abbigliamento.”

“Spesso vengono sospese le attività delle aziende controllate ma, pagata una sanzione minima poiché non accertato lo sfruttamento lavorativo, le stesse aziende riprendono a lavorare dopo poche ore” denuncia il sindacalista. “Nel documento, quindi, richiedevamo al consiglio comunale l’assunzione del Protocollo firmato dalle parti sociali e contestualmente l’impegno del Sindaco e della Giunta a reiterare la richiesta agli Organi dello Stato di un effettivo contrasto allo sfruttamento lavorativo tramite la sistematica applicazione della legge sullo sfruttamento lavorativo e sulla responsabilità solidale – con sanzioni significative – nei casi di produzioni illegali del tessile abbigliamento. Si prospettava inoltre il diritto al rinnovo del permesso di soggiorno per chi, immigrato, intendesse denunciare la propria e accertata condizione di sfruttamento sul lavoro. L’ultima battaglia da condividere è la richiesta dell’assunzione di un numero di ispettori Inps (attualmente 2), Ispettorato del Lavoro (13) e Inail adeguato alle criticità del sistema produttivo pratese che conta quasi 30.000 imprese”.

La CGIL di Prato aspetta la calendarizzazione dei consigli comunali richiedendo maggiore celerità alla politica per, come individuato da Pancini, parlare di sfruttamento lavorativo. “Occorre essere rapidi nel dare il via alla lotta allo sfruttamento che non può limitarsi alla vertenzialità individuale o a sparute battaglie quando è il sistema largamente aggredito dalla illegalità”.

LEGGI ANCHE: Il bilancio di “Alto Impatto” della Polizia Stradale in Toscana